LE BEBE E FOSSON

Il Morari, lo studioso clodiense vissuto a cavallo del 1600, così descriveva le Bebe:
“Le Bebe sono incontro (davanti) il lito di Fossone, oltre le Valli del Becco (Valgrande) e questo era un luoco con due chiese, molto habitato e frequentato. Ma poi trasferito il corso alla Cavanella (trattasi del Canale delle Bebe prima e del Canal di Valle dopo) il luoco è distrutto, né altro vi si scorge che un pezzo di torre (Torre Bebe) habitata da bissi”. 
Questa ricostruzione del territorio conferma che le “Bebe” fino alla realizzazione del Canal di Valle non solo erano abitate, il Morari da buon sacerdote parla di due chiese, ma ci risulta anche da altre fonti l’esistenza in loco di un Ospizio/Monastero noto col nome di “San Leonardo alle Bebe” non dimenticando poi i famosi “Mulini delle Bebe” distrutti nel 1379 all’epoca della guerra di Chioggia(Venezia contro Genova).
E sempre il Morari così descriveva il nostro territorio nel 1600: 
“Oltre il porto di Brondolo, il lito che si chiama di Fossone, si va allargando e tanto che arrivato al porto di detto nome Fossone, si distende fino a tre miglia di larghezza e dalla parte del mare fa un bosco di minuti frassini e roveretti, che si tagliano ogni anno. E dalla parte della laguna vi sono degli horti. Al porto di Fossone, che anticamente si diceva Carbonara, è il termine del territorio di Chioggia, dove in confine d’acque salse v’è un sostegno dell’Adice, il quale mediante due porte, che un’alla volta s’apre, impedisce che l’Adice, non entri nell’acque salse, ma passano le barche e i burchi d’ogni grandezza, che vengono di Lombardia giù per il Po e per l’Adice; onde il detto luoco è molto frequentato e si dice la Cavanella. 
E simil sostegno o porte vi sono a Brondolo per non lasciare entrare il Bacchiglione, la Brenta et altre aque torbide che dal Vicentino e Padovano discendono a quel porto in mare.” 
Ecco dunque Il Morari che ci parla dei Sostegni sul Brenta e sull’Adige e di Fosson come luogo molto frequentato e che è chiamato “la Cavanella”. 
Questa è dunque una ulteriore conferma che Fosson e Cavanella erano la stessa cosa.

index