LA MIA CAVANELLA D'ADIGE

a cura di Da Re Ismaele

Introduzione

Presentazione

I Romani e la Via Claudia Augusta o Clodia

L'Antica Mansio Fossis

Brondolo e Torre Bebe 

Adige e Po

Gorzone e Adige

Le Bebe e Fosson

IL Canale delle Bebe

La Bebeta e il Bosco cereo

Storia di Cavanella d'Adige

La Parrocchiale di San Giorgio

Il Monastero di San Giorgio di Fossone

La Famiglia Querini

San Giorgio il Patrono del Paese

La Strada Romea Medioevale

Papa Pio VI Passa per Cavanella d'Adige

Il Campo Trincerato di Cavanella d'Adige

La Battaglia "alla Cavanella"

Foto del paese

Il Monumento alla Memoria

Personaggi

I Paesi Vicini

 

Cavanella vista dalla sponda destra dell'Adige e 

Particolare del Monumento alla Memoria

 

 

 

 

 

Cavanella d’Adige è una frazione del Comune di Chioggia, sorta alla foce del fiume omonimo circa mille anni fa e già sede di una stazione di sosta romana fin dal primo secolo dopo Cristo, la famosa “Mansio Fossis” della tavola Peutingeriana.
Per più di cinquecento anni era conosciuta come Fosson, poi col ritirarsi del mare Adriatico prese il nome de’ “La Cavanella” dalla cava o fossa lasciata dal Fossiones. Il Fossiones era uno dei rami del Po del periodo romano sul cui alveo sarebbe poi confluito l’Adige dopo la Rotta della Cucca nel 589 circa d.C.
Il nome Fosson rimase poi alla foce vera e propria che dista ormai una decina di km dal paese e che oggi le normali carte chiamano Porto Fossone.
Per raggiungere Cavanella d’Adige da Chioggia, si percorre la strada Romea in direzione Ravenna sino ad arrivare al ponte sull’Adige.
Prima del ponte, sulla destra una strada lungo l’argine dopo qualche centinaio di metri raggiunge il tranquillo paesino.
Da Chioggia è possibile arrivare a Cavanella anche attraverso un’altra strada, quella che costeggia il Canale di Valle. Superato Brondolo e il ponte sul Brenta/Bacchiglione, sulla destra si dirama una strada che conduce al nostro paese.
E’ l’argine del Canale di Valle, un tempo uno dei percorsi della Romea Medievale che univa i due importanti monasteri benedettini del territorio, il Monastero di San Michele Arcangelo di Brondolo e il Monastero di San Giorgio di Fosson ora Cavanella d’Adige.
Durante la dominazione austriaca, l’argine del Canale di Valle era l’unica via che dal “Campo Trincerato” di Brondolo portava alla Fortificazione di Cavanella d’Adige, due delle più importanti strutture costruite dagli austriaci a difesa del territorio.
La strada del Canal di Valle era così importante che gli austriaci l’avevano chiamata “Regia Strada Romea”.

                   index